Le figure Quadro per l’innovazione

Nella mente del principiante ci sono molte possibilità,
nella mente dell’esperto ce ne sono poche
Insegnante Zen Shunryu Suzuki

Quadrifor oltre all’attività di ricerca ordinaria, ogni 3 anni svolge una ricerca approfondita su imprese e Quadri in collaborazione con Doxa, sull’evoluzione del profilo dei Quadri del terziario e sulle loro competenze. L’ultima è in corso ed è disponibile online quella degli anni 2014 – 2015.

In questa ricerca sia i Quadri che le imprese pongono al primo posto la necessità di implementare competenze per innovare; per noi questo dato è molto significativo perché in genere si chiede a Quadri di sviluppare solo competenze tecnico specialistiche.

Screen-Shot-2015-11-27-at-11.37.21Sui temi formativi richiesti emerge un driver strategico della formazione orientata al cambiamento strategico e organizzativo: i principali contenuti oggetto di formazione sono valori e modelli di leadership, metodi di gestione dei processi e soft skills. Questo genera gli interventi di accompagnamento al change management che sono finalizzati alla condivisione di visione e priorità di business, allo sviluppo e alla diffusione di valori aziendali, modelli di leadership e comportamenti organizzativi coerenti con l’execution delle strategie. Una formazione, dunque, a supporto del cambiamento che vuole integrare sostegno ai modelli, alle strategie di business, con il rafforzamento della cultura dell’organizzazione e con la crescita delle persone.

Rispetto al contributo della formazione ai processi innovativi, circa due terzi dei partecipanti ai focus group è dell’opinione che la formazione possa svolgere un ruolo importante per l’innovazione, sia consentendo l’accesso a conoscenze che costituiscono un prerequisito fondamentale per innovare, sia organizzando situazioni di apprendimento e di confronto capaci di generare un orientamento e un “mind-set” orientato alla propositività e all’innovazione, sia infine organizzando situazioni formative e ambiti che sono propriamente focalizzati sull’innovazione: innovation lab, leadership lab che sollecitano lo sviluppo di progetti innovativi.

Noi cerchiamo di leggere questi segnali di novità per allineare la proposta formativa ai bisogni inespressi ma anche a quelli che ci paiono importanti per il prossimo futuro delle imprese e che possiamo leggere dal nostro osservatorio.

growth_mindset_leadership_developmentIn un contesto VUCA però non abbiamo modalità consolidate o pre-confezionate da avviare, o best practices da consolidare, sappiamo che anche per noi è molto importante saper disapprendere i vecchi modelli per poter apprendere il nuovo, ed è importante che questi apprendimenti siano trasferiti anche ai nostri collaboratori. Oggi oltre che lavorare sullo skill-set è necessario lavorare sul “mind-set”.

Quadrifor cura la formazione di 60.000 quadri che rappresentano circa 13.000 imprese. Nel 2017 abbiamo formato circa 6.000 quadri. Miriamo quindi alla formazione delle imprese attraverso la formazione del middle management, che oggi sempre più ha il compito di guidare altre persone in scelte innovative decise altrove.

Quadrifor collabora con Emme Delta da circa 20 anni e nella nostra collaborazione abbiamo potuto condividere i nostri diversi punti di osservazione: sul mondo del middle management e le esperienze con le imprese di Emme Delta. Questo scambio ha sicuramente rafforzato e arricchito entrambe le organizzazioni che rappresentiamo.

Pierluigi_Richini1
Pierluigi Richini è Responsabile Formazione e Studi QUADRIFOR
QUADRIFOR – Istituto Bilaterale per lo Sviluppo della Formazione dei Quadri del Terziario.